Analisi dei prezzi Consip Energia Elettrica 13

logo ee13Per il 2016 le amministrazioni pagheranno per l’energia elettrica una tariffa molto vicina ai valori di borsa. Per le amministrazioni pubbliche in grado di rispettare le scadenze sconti fino al 10% della componente energia.

Il 9 dicembre 2015 sono stati attivati gli ultimi lotti mancanti della Convenzione Consip EE13 e, finalmente, sono stati resi noti i relativi prezzi. Le amministrazioni che non hanno potuto accedere alla Consip EE12 possono ora sottoscrivere la nuova convenzione EE13, che non prevede i limiti dimensionali della EE12. Si tratta di un’occasione da cogliere al volo, soprattutto per le amministrazioni servite in regime di Salvaguardia con prezzi decisamente più alti rispetto a quanto pagherebbero con Consip.

Il costo dell’energia elettrica dipenderà dai valori della borsa elettrica

Prezzi Pun 12Mesi

Innanzitutto è opportuno ricordare che è stato definitivamente abbandonato il Consip Power Index, che prevedeva una tariffa indicizzata al prezzo del petrolio. Dal 2016 il prezzo dell’energia elettrica sarà pari al PUN incrementato di uno spread (sul tema Pubblicata la nuova gara Consip EE13: il Consip Power Index non c’è più!).

Il PUN, acronimo di Prezzo Unico Nazionale, è il prezzo di riferimento dell’energia elettrica acquistata in borsa. Il PUN è un prezzo orario, ed in quanto tale, viene calcolato con riferimento alle fasce orarie F1, F2 e F3.

In tabella sono riportati i prezzi medi mensili registrati negli ultimi dodici mesi, pari a poco più di 50 €/MWh.

Nel seguente grafico è riportato l’andamento storico del valore dell’energia elettrica in borsa dal 2008 ad oggi.

PunStorico

Il grafico conferma due tendenze ben note agli addetti ai lavori:

• Negli ultimi sei anni il prezzo è tendenzialmente sceso;

• E’ diminuita la differenza di prezzo tra le tre fasce orarie, che con il tempo si sono livellate.

 

I prezzi Convenzione Consip Energia Elettrica 13

II prezzo della componente energia della Convenzione Consip è quindi ottenuto sommando al PUN lo spread offerto in sede di gara.

Nella tabella seguente sono riportati gli spread medi offerti nei diversi lotti. Nei lotti aggiudicati da Iren, Trenta e Enel, i fornitori hanno offerto lo stesso spread per tutte le tipologie di utenze e le fasce di consumo. Nei lotti 5 e 6, aggiudicati da Gala, sono stati offerti spread diversi per tipologia di uso e fasce di consumo. Nella tabella sono riportati i prezzi medi ponderati in funzione del peso di ciascun prezzo offerto. Quest’ultimo è stato calcolato in base ai “Dati generali sui consumi elettrici PA 2014” pubblicati da Consip.

Tabella spreadEE13

Complessivamente, lo spread medio praticato tra tutti i lotti Consip è di poco inferiore a 3 €/MWh. Considerando che negli ultimi 24 mesi il valore medio del PUN è stato di circa 52 €/MWh, si tratta di un margine teorico sui prezzi all’ingrosso inferiore al 6,00%. Tale margine dovrebbe teoricamente coprire tutte le spese aziendali diverse dalla materia prima e nel contempo consentire un margine di guadagno al venditore di energia! E’ evidente che i fornitori Consip sono in grado di approvvigionarsi di energia elettrica a prezzi inferiori rispetto ai valori di borsa.

Si tratta quindi di prezzi estremamente convenienti anche se inevitabilmente saranno superiori ai i prezzi della Consip EE12, che ha beneficiato del calo straordinario del prezzo del petrolio. Nei prossimi giorni pubblicheremo un’analisi comparata tra la Consip EE12 e la EE13.

 

Sconti per le PA virtuose

La novità più rilevante della nuova Convenzione è rappresentata dall’entità dello sconto per le amministrazioni che pagano con puntualità, concesso da Gala per il lotto 5 (Toscana, Umbria e Marche), ma soprattutto da Enel per tutti i lotti meridionali. Lo spread medio nazionale al netto dello sconto è di soli 0,72 €/MWh. Di fatto le PA Virtuose pagheranno poco più del PUN. Si tratta di una grossa opportunità di risparmio concessa alle amministrazioni meridionali, che potranno cogliere a condizione di avere processi amministrativi e gestionali in grado di programmare correttamente la spesa e gestire i pagamenti con tempestività ed efficienza. Proprio per raggiungere tali traguardi invitiamo tutte le amministrazioni interessate a migliorare i processi gestionali in materia di approvvigionamento energetico a provare il nostro servizio BenchMonitor®.