Analisi dei prezzi Consip Energia Elettrica 16

spread fornitore staffettaAttivati tutti i lotti Consip EE16. La nostra analisi dei prezzi con un approfondimento sulle diverse opzioni tariffarie.

Il processo di attivazione dei 16 lotti della Convenzione Consip EE16 si è completato il 21 febbraio, e sono finalmente note le condizioni economiche che saranno applicate ai contratti di fornitura di energia elettrica che le PA stipuleranno nei prossimi 12 mesi.

In questo articolo diamo uno sguardo ai prezzi offerti su tutti i 16 lotti territoriali, con un approfondimento sulle opzioni tariffarie della Consip EE16.

 

Spread Consip EE16: il bilancio finale è in parità

Nell’articolo dello scorso mese avevamo analizzato l’esito dei primi 4 lotti territoriali attivati, rilevando una leggera riduzione degli spread. Oggi disponiamo del quadro completo, ed il bilancio finale mostra una sostanziale stabilità degli spread della Consip EE16 rispetto alla Consip EE15.

Infatti, i lotti attivati a febbraio hanno spread leggermente più alti, che portano il bilancio complessivo ad un sostanziale pareggio.

EE16 SPREAD MEDI

EE16 SPREAD MEDI FORNITORE

L’aumento di spread più rilevante si registra nei lotti aggiudicati ad AGSM (Toscana e Lazio escluso Roma), dove l’area rossa della precedente tabella è più evidente.

Nella tabella di fianco abbiamo riportato lo spread medio offerto per fornitore. AGSM si conferma l’operatore che gode di spread più alti.
L’operatore con i prezzi più bassi è Global Power, aggiudicatario del lotto 7 Liguria e Sardegna.

 

Su Click&Check tutti i prezzi della Consip EE16

GuidaClickCheckFino a questo punto abbiamo parlato di spread medi, con valori ponderati in base ai dati di consumo delle PA pubblicati da Consip. I prezzi che troveremo in bolletta dipendono dal valore degli spread offerti per ciascuna fascia, disponibili nella tabella di dettaglio che, per motivi di spazio, pubblichiamo alla fine dell’articolo.

I lettori che vogliono conoscere il prezzo della materia prima che le PA troveranno nelle bollette targate Consip EE16, possono consultare il nostro strumento gratuito Click&Check PRO, aggiornato con i prezzi di tutti i 17 Lotti della Consip EE16.

Le diverse strutture tariffarie proposte dai fornitori aggiudicatari

L’analisi di dettaglio dei singoli prezzi mostra il diverso approccio dei fornitori alla gara Consip.
Nell’articolo di gennaio Consip EE16 al via! Spread in calo ma non per tutti avevamo commentato la strategia di Enel, basata sullo “sbilanciamento tra F1 e F3”. Anche per i lotti attivati a febbraio, osserviamo la stessa impostazione da parte di Enel: nei lotti settentrionali (Veneto e Lombardia) l’energia in F3 è prezzata con spread negativo; nei lotti meridionali di Campania, Calabria e Sicilia lo spread in F3 è invece a due cifre!

Il pricing di A2A (Trentino, Umbria e Marche) e Iren (Piemonte e Val D’Aosta) è assolutamente in linea con il valore di mercato dell’energia elettrica. Per la tariffa variabile, dove la base di calcolo (PUN mensile) già tiene conto della fascia di prelievo, gli spread sono omogenei. Per la tariffa fissa, dove la base Prodotto Fisso è unica, lo spread negativo in F3 e positivo in F1 e F2, determina un prezzo finale equo.

L’impostazione di AGSM, aggiudicatario dei lotti Toscana e Lazio (escluso Roma), è diversa. L’operatore veneto applicherà alle bollette della Consip EE16 uno spread unico, sia per la tariffa variabile che per la tariffa fissa. Ne consegue che le amministrazioni che opteranno per la tariffa fissa avranno una tariffa monoraria. Probabilmente, per le amministrazioni Comunali che comprano energia elettrica per illuminare le strade, con una prevalenza di consumi in F3, la tariffa fissa, essendo monoraria, sarà meno interessante.

Analisi delle opzioni tariffarie

Aderire a Consip EE16 significa prendere decisioni anche su altre opzioni tariffarie che hanno un’incidenza economica:

• Opzione verde;

• Sconto PA Virtuosa;

• Scelta tra fisso e variabile.

Triplica il costo dell’Opzione Verde

Costo opzione verde EE16Era prevedibile che accadesse. In linea con l’aumento vertiginoso dei costi dei certificati che attestano l’origine rinnovabile dell’energia, aumenta il costo dell’Opzione Verde.
Con la Consip EE16, la scelta green ha un costo tre volte superiore a quello del contratto in scadenza.

 


Enel e Hera Comm premiano le PA virtuse

sconto pa virtuoseLe tariffe Consip prevedono uno sconto per le Amministrazioni che pagano con addebito sul conto o con impegno a rispettare le scadenze. Maggiore è il rischio credito, maggiore è lo sconto che i fornitori sono disposti a concedere. Nei lotti meridionali, dove il rischio credito percepito è maggiore, hanno vinto Enel e Hera Comm, ovvero i fornitori con “le spalle più larghe”, attivi anche sul mercato di Salvaguardia (sul tema Consip EE16: Hera ed Enel si prendono il Sud). Sono proprio Enel e Hera Comm ad offrire gli sconti più generosi per le Amministrazioni virtuose nei pagamenti.

Le Amministrazioni meridionali non possono lamentarsi: è vero che hanno spread mediamente più alti, ma hanno anche la possibilità di risparmiare se si impegnano a fare la cosa più ovvia, cioè rispettare gli impegni contrattuali.

Per farlo devono però attrezzarsi, implementando processi amministrativi e gestionali in grado di programmare correttamente la spesa e gestire i pagamenti con tempestività ed efficienza. Cosa possibile, implementando un modello di gestione delle forniture energetiche con un approccio sistemico (sul tema Come razionalizzare la spesa energetica nella PA).

Tariffa fissa o variabile?

Guardando gli spread, la tariffa fissa è sconsigliatissima per la Pubblica Illuminazione di Campania, Calabria e Sicilia. In generale, per la valutazione della convenienza tra fisso e variabile, il diverso spread praticato dal fornitore incide poco ed andrebbe valutato caso per caso, tenendo conto della distribuzione dei consumi per fasce di prelievo.

Come è intuibile, gran parte della convenienza tra fisso e variabile dipende dalle dinamiche del mercato energetico. Se da un lato è difficile (o meglio impossibile) prevedere il futuro, si possono però presentare situazioni in cui le condizioni di mercato rendono più interessante l’una o l’altra opzione tariffaria.

Proprio il tema tra fisso e variabile sarà oggetto del prossimo articolo, nel quale commenteremo la dinamica dei prezzi delle ultime settimane.

A marzo replica del Webinar

Chiudiamo il nostro articolo parlando del successo del Live Webinar: Consigli operativi per l'adesione a Consip per l'acquisto di energia del 20 febbraio. Sono una quarantina le Amministrazioni che hanno seguito l’evento, ed altrettante non hanno avuto modo di collegarsi.

Visto l’interesse, abbiamo deciso di replicare il prossimo mese. Nei prossimi giorni fisseremo la data.

Le iscrizioni sono già aperte. Prenota il tuo posto!

 Giuliano Sarricchio - BenchSmart srl

sarricchio linkedinSeguimi su Linkedin 

detteglio spread 16vs15

 

Tags: Consip EE16

Stampa Email